Italiano - Tenor Peter Lindroos

Vai ai contenuti

Menu principale:

Biography

Peter Lindroos nacque il 26.2.1944 in una famiglia di musicisti nel comune di Pohja nella parte ovest della regione Uusimaa in Finlandia. Il padre Bertel fu organista della parrocchia svedese di Pohja. La madre Hjördis era cantante e la sorella Carola cantava al Coro del Teatro Nazionale dell’Opera di Finlandia a Helsinki.Peter all’età di 16 anni fu scelto come organista nella parrocchia finlandese di Pohja. Otteneva il diploma di organista presso L’Accademia Sibelius a Helsinki nel 1964, ed iniziava gli studi di canto, nella stessa Accademia nel 1965 con il soprano Jolanda di Maria Petris, gli altri maestri furono Licinio Francardi (Roma 1968), Luigi Ricci (Roma 1969/1970) e Marcello Del Monaco (Treviso 1970/1972). Lindroos debuttava al Teatro Nazionale dell’Opera come Rodolfo ne La Bohème nel gennaio 1968. La carriera internazionale iniziava a Gothenburgo nel 1969 nei panni del protagonista di Otello, ma il debutto ufficiale risale al 1970 come Don Ottavio nel Don Giovanni mozartiano. Nel 1971 venne scritturato come primo tenore presso il teatro Reale di Copenaghen. Il suo ruolo d’esordio fu Manrico nel Trovatore di Giuseppe Verdi. In questo Teatro egli cantò come tenore principale fino a 1996. A seguito dei successi ottenuti, fu chiamato dai teatri di ogni parte del mondo, Al Teatro dell’Opera di Stato di Vienna il 19 aprile 1974 come Boris in Katja Kabanova di Janaèek. In totale si esibì in 10 ruoli e 61 recite negli anni tra l 1974/1991.I suoi successi proseguirono anche nei palcoscenici più importanti di Germania dove debuttò nella metà degli anni Settanta: Monaco di Baviera, Stoccarda, Amburgo, Berlino.Lindroos cantò per la prima volta al Covent Garden di Londra nei panni di Duca di Mantova in Rigoletto il 15.12.1975. Intanto il suo repertorio si andava espandendo nel tempo e, debuttò anche “Il Parsifal” di Wagner in programma a Stoccarda nel 1976 esibendosi, con grande successo, negli anni successivi a Copenaghen, Monaco, Berlino, Colonia ed Amburgo (1984). Contemporaneamente alla sua carriera operistica si è esibito con grande richiesta come tenore solista nella grande opera vocale come la nona sinfonia di Beethoven, Messa da Requiem di Verdi e Das Lied von der Erde di Mahler in Europa, in Israele e negli Stati Uniti.Aveva ben 50 ruoli concertistici nel suo repertorio.Peter Lindroos era, negli anni Ottanta, vocalmente all’apice della sua carriera, tanto da poter scegliere autonomamente i ruoli che voleva cantare.


Tornando in patria, la Banca di Risparmio Finlandese di Helsinki lo sponsorizzava per Teatro Nazionale dell’Opera.Contemporaneamente si trasferiva all’estero e accanto a Copenaghen ottenne grandissimo successo in Boris Godunov, tra gli altri, presso il Teatro Grande di Parigi (1984) e a Barcellona (1985).Cantò in Carmen nel 1985 nel celebre Teatro Colón di Buenos Aires. Uno dei punti culminanti della sua carriera si può considerare la sua visita al Teatro alla Scala di Milano nel 1988 nell’opera Daphne di Richard Strauss.Peter Lindroos si è esibito durante la sua lunga carriera in molti festivali musicali e d’opera sia nelle opere che come solista di concerti. Di queste giova menzionare: Edinburgo, Londra, Israele, Monaco, Aix-en-Provence, Bordeaux e Savonlinna. Inoltre cantò spesso nella celeberrima serie dei concerti Urkuyö ja Aaria di Espoo (Notte d’organo e l’Aria) essendo inoltre per tanti anni il presidente del consiglio di questa organizzazione.I ruoli più importanti di Peter Lindroos erano però quelli italiani: Cavaradossi in Tosca (circa 350 recite), Rodolfo ne La Bohème, Des Grieux nella Manon Lescaut, Radames in Aida, protagonista di Otello e di Don Carlo e anche Don Josè di Carmen. Il tutto 80 ruoli operistici.Si è esibito anche nelle prime mondiali di molte opere moderne come Der Rattenfänger di Èerha (Cacciatore di ratto) in Graz nel 1987, Thomas di Rautavaara (1985) e Det Sjungande Trädet (L’albero cantando) di Bergman nel 1995.Peter Lindroos si era dedicato anche all’ insegnamento nella metà degli anni Novanta, benché continuava a cantare in opera. Fu nominato nel 1995 come insegnante del canto presso L’Accademia Sibelius e nell’anno successivo come professore dell’Istituto di Studi superiori della città Malmö in Svezia. Aveva anche molti studenti privati.Trasferì la sua residenza in Svezia nel 2003, ma moriva tragicamente il 17 novembre 2003 in un incidente stradale, in cui moriva anche suo figlio Andreas di 18 mesi. La moglie Gabriela rimase gravemente ferita. Peter Lindroos è generalmente considerato il tenore finlandese di più grande successo di tutti i tempi, ed è uno dei pochi cantanti, in grado di commuovere gli ascoltatori e la sua fama è in aumento anche dopo la morte. Sempre nuovi appassionati della lirica in diversi paesi e continenti si entusiasmano nell’ascoltare la sua voce.Il figlio di Peter Lindroos, Petri (nato nel 1966) è internazionalmente acclamato per la sua voce da basso.

Torsten Brander


Fonti:Tero Halvorsen CD "Peter Lindroos-Opera Arias and songs 1981-1994" (FUGA 9250) e archivio: Torsten Brander.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu